Ecofisiologia delle piante (Prof. Nardini)

Prof. Andrea Nardini

Tel: +39-040-5583890
Email: nardini@units.it

Google Scholar Profile

 

Biosketch

Andrea Nardini è professore associato di Fisiologia vegetale presso l'Università di Trieste dal 2012.

Il Prof. Nardini ha una Laurea in Scienze Naturali conseguita presso l'Università di Trieste e un Dottorato di Ricerca in Geobotanica presso l'Università di Pavia. Ha svolto attività di ricerca presso l'Università di Trieste sotto la supervisione del Prof. S. Salleo e presso lo USDA Forest Service, Vermont (USA) sotto la supervisione del Prof. M.T. Tyree.

I suoi interessi scientifici si concentrano sui meccanismi del trasporto dell'acqua nelle piante, che vanno dalla comprensione di base dei processi fisiologici fino alle conseguenze ecologiche per le prestazioni delle piante e degli ecosistemi in condizioni di siccità. Il suo lavoro ha contribuito a chiarire l'importanza dell'efficienza e della sicurezza del trasporto dell'acqua a livello fogliare per la produttività e la distribuzione delle piante, nonché i meccanismi alla base della formazione e riparazione dell’embolia nei condotti xilematici delle piante sottoposte a stress idrico. Alcuni dei suoi principali contributi includono la descrizione dei meccanismi che portano alla riparazione dell'embolia xilematica, la caratterizzazione dei tratti fogliari che conferiscono efficienza e sicurezza del trasporto dell'acqua e la comprensione del ruolo dell'embolia xilematica nella mortalità delle foreste in caso di eventi di aridità estrema collegati ai cambiamenti climatici.

Il Prof. Nardini è autore o coautore di oltre 120 articoli scientifici su riviste internazionali (Vedi Google Scholar Profile).

Il Prof. Nardini è stato insignito del premio Baccarini-Melandri dalla Società Italiana di Biologia Vegetale, ed è membro del Comitato Editoriale delle riviste Trees Structure and Function e Scientific Reports. È anche membro del comitato consultivo editoriale della rivista New Phytologist. Svolge attività di revisore per le importanti riviste scientifiche internazionali.

 

Info

Ultimo aggiornamento: 20-07-2018 - 21:30