Fisiopatologia molecolare del fegato (Dr. Sorrentino)


 

Dr. Giovanni Sorrentino

SSD BIO/13, Biologia Applicata

 

Tel: (+ 39) 040 558 8644
Email: giovanni.sorrentino@units.it
Twitter: @sorrentinolab
Web: sorrentinolab.com

 

Edificio RRA, st. 131
Dipartimento di Scienze della Vita (DSV)
Università degli Studi di Trieste
via Valerio, 28 - 28/1, 34127 Trieste, Italia 

 

Identificativo ORCID
Google Scholar

 

 

Curriculum breve

Il Dott. Giovanni Sorrentino ha studiato Biotecnologie Mediche e Farmaceutiche presso l'Università di Ferrara. Nel 2014 ha conseguito il dottorato di ricerca in Biomedicina Molecolare presso l'Università degli Studi di Trieste, lavorando sotto la supervisione del Prof. Giannino Del Sal. Dal 2014 al 2017 ha svolto la sua prima formazione post-dottorato finanziata da una borsa di studio FIRC presso il Laboratorio Nazionale CIB, Area Science Park, Trieste. Nel 2017, ha ricevuto una borsa di studio post-dottorato dalla Federation of European Biochemical Societies (FEBS) per condurre i propri studi presso il Laboratory of Metabolic Signaling con sede nell'Istituto di Bioingegneria dell’École Polytechnique Fédérale de Lausanne (Svizzera) sotto la supervisione dalla Prof.ssa Kristina Schoonjans. Nel 2020, grazie al generoso supporto di AIRC e Telethon, è tornato in Italia per guidare un gruppo di ricerca indipendente presso il Dipartimento di Scienze della Vita dell’Università di Trieste.
I suoi primi studi scientifici si sono orientati principalmente sulla comprensione dei meccanismi con cui le cellule tumorali percepiscono i segnali meccanici provenienti dal loro microambiente e sullo studio di come questa percezione si integra con il metabolismo cellulare per promuovere la progressione tumorale. In questo contesto, il suo principale contributo è stato l'identificazione della via del mevalonato come input metabolico cruciale per l’attivazione dei geni meccano-trasduttori YAP/TAZ e dell’oncogene mutant-p53 nelle cellule staminali tumorali. Questi lavori sono stati pubblicati in due articoli sulla rivista Nature Cell Biology: Sorrentino G. et al. 2014 e Ingallina E. *, Sorrentino G. * et al. 2018. Inoltre, sulla base di questo lavoro, il Dr. Sorrentino ha ricevuto un premio scientifico italiano per giovani ricercatori (Premio Chiara D'Onofrio Junior) dalla Società Italiana di Biofisica e Biologia Molecolare (SIBBM).
Più recentemente, le sue linee di ricerca si sono concentrate sulla comprensione dei principi fondamentali che regolano la rigenerazione delle cellule staminali intestinali ed epatiche e sull’elucidazione dei meccanismi attraverso cui le vie metaboliche e il microambiente fisico si integrano per controllare la staminalità. In questo contesto, il Dr. Sorrentino è stato un pioniere nello sviluppo delle tecniche di bioingegneria per la derivazione di organoidi epatici in matrici sintetiche (Sorrentino et al.2020, Nature Communications).

 

Info

Ultimo aggiornamento: 20-09-2021 - 21:30